Pulisic Is The New Kakà?

Pulisic

Non era semplice ripartire dopo le tossine lasciate dal Borussia…

Per di più con una difesa e un attacco non proprio abituali.

C’è però da dire che nell’emergenza siamo stati squadra, compatti.

E finalmente abbiamo finito una partita senza infortuni in campo e soprattutto senza dover rivoluzionare la formazione strada facendo.

Milan-Frosinone non era affatto scontata; loro erano molto chiusi, e ci hanno dato gran filo da torcere. Trovare spazi era come muoversi in un labirinto.

Hanno anche provato ad impensierirci ma chi di dovere ha risposto presente! E così la regola, “gol sbagliato gol subito”, è sempre valida!

Arrivano diversi segnali di riscatto dei Diavoli: da Jovic, decisivo al momento opportuno, a Bennacer, finalmente arruolabile, al pallottoliere più volte illuminato.

Trovare la concretezza sotto porta non è stato così complicato, anche senza i titolarissimi…

Forse per Jovic era solo questione di dare tempo al tempo, ovvero di integrarsi nei meccanismi e di trovare buona condizione fisica: lo scopriremo davvero alle prossime occasioni.

Sembra incredibile ma non realizzavamo tre gol da qualche mese! E finalmente torniamo a vincere due partite di fila in campionato.

Ora dobbiamo fare nostra la continuità per mantenere accesa la luce e non perdere più terreno.

Intanto analizzando le differenze tra il folletto Diaz e il genio creativo Pulisic, balza all’occhio come lo statunitense sia più presente nel gioco e abbia una notevole intelligenza calcistica.

Brahim aveva talento ma era troppo discontinuo. Piuttosto l’Americano sta sempre più mostrando alcune qualità che erano del mitico Kakà.

La grande tecnica del regista e rifinitore Pulisic spesso ci aiuta a vincere: lui che tra gol e assist si sta divertendo molto in questi mesi. Certi gol poi fanno lustrare gli occhi.

Il nostro Maignan, dal canto suo, ha sottoscritto l’abbonamento agli assist: con nonchalance passa da un ruolo all’altro e dà un calcio alle ultime critiche per qualche prestazione non al top!

Sono tre punti che fanno morale e che ci servono come il pane. Altro che l’amnutinamento dei senatori ipotizzato da molti!

Stavolta non c’è un migliore in campo ma due giocatori ex aequo:

Capitan America si gioca il premio con il TGV francese che da centrale sfodera una prova di massima concentrazione.

Chi l’avrebbe mai detto che Theo in un ruolo inusuale non avrebbe sfigurato? Con un mix tra qualche sgasata delle sue e precise letture difensive ci stupisce in positivo.

Dopo un avvio di stagione complicato, il terzino francese sfodera una prova d’orgoglio e carattere, trascinando i compagni.

E scopriamo che si era proposto lui per giocare da centrale nell’emergenza del momento: tanto di cappello!

Simbolico il suo post social: “Cadere è Permesso, Alzarsi è Obbligatorio. Sempre Uniti!! Grazie San Siro”.

Comunque nella situazione critica di infortuni e di risultati altalenanti rimaniamo lì a inseguire le prime, dando alcuni segnali di riscossa.

Non era scontato fare risultato senza Leao e Giroud, in passato non siamo sempre riusciti.

A breve dovremmo recuperare qualche giocatore chiave e a Bergamo bisognerà riuscire a mantenere il trend appena avviato.

 

Written By
More from © Marta Baudo

C’era Una Volta Il Milan

Avrei voluto raccontare una favola, una di quelle che appassionano sia i...
Read More

2 Comments

  • Vincere con il Frosinone era un obbligo morale prima ancora che técnico. Pero’ effettivamente viste le ultime prestazioni non era scontato. Jovic in gol, sperando che non sía una rondine fuori stagione e che possa avere continuita’. Theo centrale non e’ una idea pellegrina ma io lo voglio sulla fascia perche’ quando sta bene e’ un fenómeno. Marta, su Brahim e sulla sua discontinuita’ posso essere daccordo. Sabato pero’ ero al Bernabeu ed e’ stato eletto MVP della partita con un gol e due assist con classe immensa recuperando una infinita’ di palloni. E’ un altro Brahim. Tornando al Milán 29 punti in classifica vanno bene tenendo presente gli infortuni a catena che abbiamo avuto e che con il rientro in squadra degli assenti possiamo ancora lottare per lo scudetto per il quale continuo a pensare che dobbiamo concentrarci. Sempre Forza Milán!

  • D’ accordo su Brahim Diaz….era già ‘ integrato!
    Non molto convinto sulla prestazione… (stavolta ” grazie Maignan ” ) a Bergamo sara’ tosta ! Speriamo rientrino tutti. Forza ragazzi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *