Lockdown Gigio – VAR

Qual’ è la parola più cercata su Google negli ultimi mesi? Anche i bambini sanno rispondere: tampone. Nel calcio gli esiti ATS spiazzano gli allenatori anche nel pre partita!

Ci voleva il Covid per tenere a casa Gigio, anche se asintomatico. Lui, l’onnipresente, a meno di catastrofi naturali… E noi a pagarne le conseguenze: potendo contare sul solo Dracula come vice; i suoi poteri sono niente in confronto a quelli di Gigio!

L’immunità di gregge Milan non è lontana, dato che molti sono stati colpiti dal virus, come rivelato da Maldini. Auspico che gli anticorpi siano ben navigati nei già incoronati.

Chi si sarebbe immaginato che l’assenza della nostra guida dalle retrovie sarebbe stata più traumatica rispetto a quella di Zlatan? Ormai il nostro portierone guida la squadra con autorità: è troppo importante il suo ruolo nel calcio moderno. Ci sarà chi non è d’accordo ma forse… dopo aver visto Milan Roma  cambierà idea.

La sfida Mirante – Tatarusanu la vince a mani basse il maturo portiere della Roma. Il pirotecnico 3 a 3 finale è portato in dote dal calcio offensivo, dal timore del debuttante di giocare come vice Gigio e dall’ eccessiva sicurezza nella porta romana.

Il Milan affronta gli avversari, di basso o alto calibro, con la mentalità giusta, senza i timori reverenziali e i limiti psicologici che si erano impossessati del diavolo negli ultimi anni. Il ciondolante Leao culla l’amicizia con Ibra, fornendo assist al bacio e il piedone di Zlatan si sente come non mai nel bene e… nel male.

D.P.C.M. a valanga di Conte; farei anche un D.P.C.M. per agli arbitri che meritano di stare in serie A e per chi deve ancora fare gavetta. Uno a caso, Giacomelli, probabilmente nel decreto verrebbe messo in lockdown. E non mi riferisco solo ai rigori farlocchi ma anche ai cartellini… molto arbitrari. E per quanto riguarda il VAR, forse dopo le 18 c’è il coprifuoco?

Ci sarebbe piaciuto che il sogno di inizio stagione avesse portato alla quinta di fila in serie A, ma ci siamo svegliati e… non siamo ancora perfetti. Comunque  guardiamo con fiducia al futuro: la crescita continua e l’attacco è più vivo che mai, con un gioco che diverte e Mister Z. innamorato delle doppiette.

Le nostre ambizioni sono finalmente cresciute. Avanti Milan!

Written By
More from © Marta Baudo

Biraghi Manda In orbita L’Italia Del Pallone

Tanto per gradire, l’UEFA da settembre 2018 ha inventato un nuovo torneo...
Read More

3 Comments

  • Probabilmente, con Gigione in porta, avremmo portato a casa i 3 punti. Ma devo dire che, anche dopo il terzo pareggio, ho visto uno spirito combattivo , mai domo ….lontanissimo dal vecchio Milan degli psicodrammi!

  • Grande rabbia alla fine di una partita che avremmo dovuto chiudere dopo il terzo vantaggio! Tata in porta e’ una sciagura…e pure il nostro mister stavolta avrebbe dovuto rinforzare la difesa, visto che non mancava molto alla fine e dopo due recuperi romanisti avrebbe dovuto capire che la Roma ci avrebbe riprovato a pareggiare….comunque grande Zlatan e buon Leao che dovrebbe, vista la giovine eta’, dare di più e non solo a sprazzi. Comunque il finale in crescendo con la voglia di riportarsi avanti e’ un buon segnsle: Zlatan ha infuso a tutti l’ idea di combattere e questo e’ importante. Avanti cosi’ e sempre Forza Milan!

  • Ma, ragazzi, non possiamo vivere sempre sul orlo del infarto! Giacomelli dovrebbe essere buttato nella spazzatura!! E quelli del VAR pure! Sono veramente incavolata, ma sempre forza Milan!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *