Milan a tentoni tra i fumi del Vesuvio

Napoli's Lorenzo Insigne (R) jubilates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs AC Milan at San Paolo stadium in Naples, Italy, 18 November 2017. ANSA/CIRO FUSCO

Bonus sconfitte completato! 6 su 6: chiuso il grande slam degli scontri al vertice. Che tabù!

Numeri impietosi. Il “mal da grandi” è un dolore lancinante, quasi incurabile al momento.

Quando arriva uno scontro al vertice, si cade nel blocco da psico – calcio: maledetto timore reverenziale!

C’è una paura che racchiude mille fobie nei rossoneri: la paura di crescere e diventare maggiorenni, di ribaltare le partite.

Da lì confusione tattica e mancanza di idee.

Rallegriamoci pensando che le sconfitte dovute sono finite.

Arriveranno i famigerati punti ? Verrà sfruttato il calendario amico, almeno per vedere l’Europa minore ?!

Un tempo le squadre alla portata del Milan non erano solo quelle dei bassifondi…

Ora i rossoneri sono la provinciale che fatica a racimolare punti. No animus pugnandi.

Se nel primo tempo del San Paolo non ci siamo spinti in area avversaria, neanche per sbaglio, è lecito farsi qualche domanda.

Essere campioni dello sterile possesso palla non sarà mai un merito. Arriveremmo secondi anche in una sfida tra lumache.

Milan: sparring partner della capolista.

A Milano all’ora di punta il traffico scorre più veloce del lento gioco rossonero.

Vedere verticalizzazioni e tiri in porta è chiedere l’America ?

Nuovo coro per i giocatori del Milan… “Non segniamo mai”.

Sperare in una deviazione o autorete per vedere un gol rossonero  è da disperati: le azioni arrivano solo sporadicamente!

Reina ha preso un gol per caso: ufficialmente è senza voto.

Il Napoli non per niente è primo in classifica… Gioca in velocità, a due tocchi, con scioltezza e a memoria.

La banda Sarri sì che diverte e fa divertire.

Il folletto tuttofare Insigne quanto servirebbe al Milan. De Laurentis, barattiamo lui con Kalinic ?

Pochi tifosi prima della partita erano ottimisti, portare a casa un punto sarebbe già stato il miracolo di San Gennaro.

Scommettere sul Napoli vs Milan  era vincere facile.

Caro Vincenzo, la litania di fine partita con ritornello: giocato alla pari ma perso, stiamo migliorando, inizia ad essere noiosa.

Conti, quanto ci manchi! I tuoi cross sarebbero manna dal cielo, vedendo Abate. Il terzino, fermo ai box, è voglioso di bruciare le tappe.

Al momento il campo lo vede ancora da lontano: giusto un incontro con i tifosi fa sentire meno pesante la lontananza.

Oggigiorno la sconfitta della Juve non ci riguarda, dato il nostro modesto campionato ed il distacco accumulato.

Amici lettori, sono ansiosa di imbattermi anche nei vostri commenti!!

 

 

 

 

Written By
More from © Marta Baudo

Il Signor Bonaventura generoso a San Siro

Jack è tornato, ha riportato l’essenza del calcio a San Siro: gol...
Read More

6 Comments

  • Cara Marta, non ci sono più commenti da fare. La tua analisi è sempre molto dettagliata. Speriamo arrivino presto momenti migliori, ma come già detto, siamo da 7mo posto.

    • in teoria peggio di così non si dovrebbe fare…
      però è da qualche anno che lo diciamo!
      spero che la classifica migliori!

  • Be, a questo punto non posso altro che essere d’accordo con te (nel mio povero italiano): si gioca soltanto nel secondo tempo, il primo nei “schemi di Montella” non esiste, e la squadra e’ davvero molle. Ragazzi,io sono vicinissima a farmi tifosa del Inter!!!

  • giovedì Kakà sarà a San Siro…
    la sua presenza darà una scossa a giocatori e allenatori?!
    Inter: non so cosa sia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *